A seguito dell’approfondito dibattito svoltosi nell’Assemblea dei Delegati Sapar del 25 maggio – scaturito dal documento sottoscritto dalla delegazione Marche – preso atto della effettiva sussistenza, in numerose vicende concrete, di offerte di gioco illegali negli esercizi pubblici e commerciali..

….che non solo pregiudicano le entrate erariali, ma soprattutto mettono a repentaglio gli equilibri e la corretta operatività della filiera di settore, andando a ledere, in particolare, il buon nome delle tante aziende dell’Automatico che si sono sempre distinte per professionalità e rispetto delle norme, la Presidenza Sapar recepisce come propria la mozione dell’Assemblea stessa di condannare e contrastare ogni forma di illegalità nel settore del gioco, attraverso le azioni più decise.

Tali azioni sono volte a colpire indistintamente tutte le possibili modalità di offerta di gioco irregolare, ivi comprese quelle di apparecchi non conformi alla normativa comma 6A, e di meccanismi non consentiti di collegamento ad internet, anche tramite totem irregolari.

Tutto ciò, nella consapevolezza che tale battaglia rappresenta l’unico presupposto per far emergere attraverso la trasparenza e correttezza dei comportamenti, l’importanza delle aziende di gestione all’interno della filiera.

Tale iniziativa è predisposta anche in previsione della richiesta di riconoscimento del ruolo del gestore che non solo garantisca di più il gioco legale ma anche il futuro, gli investimenti e i livelli occupazionali delle migliaia di aziende che operano nel settore.